CARRELLO VUOTO

LA TORREFAZIONE

Da oltre 30 anni Caffè Fiorella produce il proprio caffè con un metodo totalmente artigianale e al 100% naturale. Infatti Francesco, il torrefattore, porta avanti il business di famiglia con la stessa passione ed entusiasmo dei suoi predecessori.

Il processo produttivo permette di creare un caffè unico nel suo genere per corpo, aroma, sapore e retrogusto. Se infatti la miscela ha subito variazioni nel corso degli anni per adattarsi ai gusti in cambiamento dei clienti, il processo è sempre lo stesso da generazioni. Il segreto, a differenza delle lavorazioni industriali, non sta nella standardizzazione ma nell’esperienza del torrefattore.

Il processo si articola come descritto sotto.

SCELTA DEI FORNITORI

La coffea, ovvero la pianta del caffè, cresce in regioni con clima tropicale o equatoriale ed a specifiche altitudini. Pertanto la scelta del Paese di provenienza è cruciale in quanto definisce le caratteristiche delle piante e quindi il sapore finale del caffè.

Caffè Fiorella ogni anno valuta i raccolti e sceglie solo i migliori produttori di caffè verde. Le qualità utilizzate sono l’Arabica, la qualità più pregiata dalla crema color nocciola, e la Robusta, dal sapore più intenso e corposo, provenienti dalle migliori terre Asiatiche e Africane.

STOCCAGGIO

Una volta che il caffè arriva nei magazzini è importante che sia conservato ad una temperatura ed in un ambiente ottimali così da preservarne freschezza e qualità. Inoltre è importante effettuare un ulteriore controllo della qualità dei singoli chicchi prima di procedere alla fase successiva.

MISCELATURA

Si tratta di uno dei “segreti del mestiere” e si può considerare una vera e propria arte. E’ infatti la scelta delle proporzioni di Arabica e Robusta da utilizzare che definisce l’armonia del sapore del prodotto finale. Francesco, il torrefattore, decide personalmente le quantità dei caffè ed è la sua esperienza ad assicurare la costante qualità del prodotto finale.

TOSTATURA

È in questa fase che il caffè subisce quelle trasformazioni responsabili di sapore e retrogusto ed è quindi qui che si definisce l’aroma.

Una volta che la macchina raggiunge la temperatura ottimale di 200°-250°, grazie ad un tamburo ruotante, si effettua la c.d. tostatura prolungata la quale richiede un tempo maggiore (circa 30 minuti) rispetto alla tostatura tradizionale ma permette un migliore sviluppo di gusto ed aroma. È in questa fase che i chicchi di caffè da verdi diventano bruni.

RAFFREDDAMENTO

La fase di raffreddamento è molto importante in quanto una cottura eccessiva determina la perdita di alcuni aromi e dunque l’alterazione dell’acidità del caffè. Cruciale è la decisione dell’esatto momento in cui iniziare il raffreddamento ed è il torrefattore che, supervisionando personalmente l’intero processo, decide.

CONFEZIONAMENTO

Una volta completato il processo di raffreddamento, è il momento del confezionamento del caffè. Per assicurarsi la massima conservazione del sapore, Caffè Fiorella provvede ad un immediato confezionamento del prodotto.